ZITONI COZZE E PESTO
2 Settembre 2020
Guarda tutte le ricette

PASTA ALLA GENOVESE


Mezze Candele "Luigi Cuomo" protagoniste del sugo alla genovese un primo piatto tipico della tradizione napoletana,
nella cucina partenopea la sua importanza è pari a quella del ragù:
il sugo alla genovese può essere considerato un ragù bianco, con l'aggiunta di tante cipolle.

RICETTA INVIATA DA GIOVINA NAPPI


PREPARAZIONE:


Laviamo e tagliamo il sedano, le carote e le cipolle molto finemente.
In una pentola larga e alta mettiamo un fondo d’olio e la sugna, scaldiamo e rosoliamo la carne su tutti i lati
, uniamo il sedano, le carote e il concentrato di pomodoro
Uniamo anche le cipolle e le foglie di alloro, copriamo e lasciamo cuocere a fuoco bassissimo
.
Le cipolle e la carne rilasceranno i propri liquidi ma potrebbe essere necessario aggiungere acqua poco per volta e, mi raccomando, calda per portare avanti la cottura.

Assaggiamo ed aggiustiamo di sale Il sugo dovrà cuocere per almeno 3/4 ore
.
Cuocete le Mezze Candele in abbondante acqua salata, scolatela al dente e versatela nel tegame con il sugo alla genovese. Aggiungete il mix di parmigiano e pecorino, mantecate la pasta alla genovese e servitela con una spolverata di pepe e parmigiano..

LA PASTA


L'ingrediente principale di questa ricetta nei dettagli.

MEZZE CANDELE:


Prodotti secondo i canoni della tradizione della Famiglia Cuomo, le nostre Mezze Candele hanno forma tubulare e cava. La superficie è liscia come i bucatini, ma di diametro maggiore. Nascono come pasta lunga, però la nostra tradizione culinaria vuole che prima di cuocerli li si spezzi a mano per una migliore cottura, per semplificare questo antico metodo abbiamo provveduto al taglio.
Sono prodotti utilizzando la migliore semola a grana grossa di prima estrazione impastata con acqua.
L'essiccazione lunga e delicata a basse temperature, unita alla corposità conferitole dalla trafilatura in bronzo, donano a questa pasta la qualità migliore ed una tenuta alla cottura formidabile.
Sono fatti a mano secondo la tradizione utilizzando: acqua e semola di grano duro.
Prenota Online

3 Comments

  1. Patrizia ha detto:

    Complimenti, un piatto favoloso!

  2. Marco ha detto:

    Il primo che mia nonna faceva da Dio!

  3. Marianeve ha detto:

    Che dire… Un piatto che non ha bisogno di molti commenti…. Altamente prelibato… Brava!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *